menu
  • Contattaci
  • Login PartnerView
  • Italia

In qualità di direttrice Partner Transformation, Laura si occupa degli strumenti e dei sistemi che i nostri partner usano in tutto il mondo per interagire con Westcon-Comstor. Un lavoro che Laura svolge dalla sede di Tarrytown, ma che la porta a viaggiare in giro per il mondo.

Progettare soluzioni

Ho il compito di progettare e costruire soluzioni e facilitare gli scambi tra clienti, vendor e sistemi Westcon-Comstor in modo da rendere la collaborazione più agevole per tutti. Cerco modi per facilitare e automatizzare i nostri sistemi e processi, ad esempio per le richieste di preventivi o di ordini nonché l’elaborazione degli ordini, e per migliorare i processi riguardanti l’assistenza clienti, come i resi. Mi occupo anche di trovare soluzioni per automatizzare i processi manuali e ripetitivi, al fine di consentire al nostro personale di concentrare il proprio tempo su altre attività che portino un reale valore aggiunto alla nostra offerta.

Una sfida continua, ma gratificante

Lavoro in un ambiente davvero stimolante. Nonostante sia qui da quattro anni, imparo ancora qualcosa di nuovo ogni giorno. È un settore decisamente complesso nel quale per ogni regola ci sono un’infinità di eccezioni, occorre essere sempre concentrati. Quando si lavora nell’IT si è confrontati a scadenze, imprevisti o esigenze che sorgono all’ultimo momento e che potrebbero compromettere un intero progetto. Occorre essere flessibili e saper invertire le proprie priorità. Di certo c’è poco da annoiarsi!

Una grande famiglia

Nel tempo libero, mi piace andare in giro e godermi la vita. La corsa e il fitness in generale sono le mie più grandi passioni. Poi amo viaggiare, e di recente ho cominciato ad appassionarmi all’immersione. Anche il mio lavoro mi porta a viaggiare non poco! L’azienda ha sedi in tutto il mondo, per cui ci sono molti uffici più piccoli. In qualsiasi ufficio vada, sento sempre le persone che ci lavorano come colleghi. Ho colleghi con cui parlo al telefono e che incontro di persona solo una o due volte l’anno, ma quando li vedo è come se lavorassimo fianco a fianco ogni giorno.